Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP

ferrovia-internazionale.com
Generale Costruzioni Ferroviarie News

INAUGURAZIONE UFFICIALE PER IL NUOVO TUNNEL DI BASE

La galleria di base del Ceneri è ufficialmente aperta. Venerdì 4 settembre a Camorino le massime autorità politiche elvetiche e rappresentanti dei media hanno partecipato ad una cerimonia di inaugurazione che, pur in forma ridotta a causa del Covid-19, ha in ogni modo sottolineato l’importanza strategica del nuovo tunnel, segmento fondamentale del corridoio Reno Alpi.

INAUGURAZIONE UFFICIALE PER IL NUOVO TUNNEL DI BASE

“Il Ceneri dà nuovo impulso alla nostra politica di trasferimento del traffico”
ha affermato la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga nel suo discorso inaugurale, ringraziando la popolazione per aver consentito con il proprio “Sì” ad AlpTransit nel referendum del 1992, la realizzazione dell’“opera del secolo”. “Una decisione coraggiosa e lungimirante – ha aggiunto la presidente – sia per il nostro Paese che per la protezione delle Alpi”.

Molti interventi hanno sottolineato l’importanza che la galleria di base del Ceneri gioca non solo per il traffico regionale viaggiatori ma, anche e soprattutto, per quello a lunga distanza e per il traffico merci su scala nazionale ed europea. Così, nei loro discorsi inaugurali, Dieter Schwank, Ceo di AlpTransit Gottardo SA, e Vincent Ducrot, Direttore Generale delle FFS SA, ora gestore ufficiale dell’opera. Così, nel suo commento ai media, il consigliere federale Ignazio Cassis che ha ben sintetizzato il sentire comune: “Con il Ceneri sottolineiamo la nostra appartenenza al continente europeo”.

Con l’inaugurazione del Ceneri, infatti, viene completato il progetto della Nuova Ferrovia Transalpina, una ferrovia in pianura attraverso le Alpi: il più grande progetto infrastrutturale che - approvato dal referendum popolare nel settembre 1992 con il 67% di consensi popolari- la Svizzera abbia mai realizzato con l’intento di trasferire su ferro le merci e di dare un forte impulso, in tal modo, ad una politica dei trasporti rispettosa dell’ambiente.

Quasi 10 anni di lavoro hanno trasformato l'ambizioso progetto in realtà attraverso le principali tappe del cantiere: dal primo brillamento ufficiale nel marzo 2010 a Sigirino fino alla consegna della galleria grezza, nel febbraio 2017; dall'ultimazione dell'armamento ferroviario il 30 maggio 2018 con la cerimonia del "blocchetto d'oro" fino al termine dei lavori di tecnica ferroviaria, a fine agosto 2019.

Ora, dopo le oltre 2.243 corse di prova effettuate da marzo a fine agosto da AlpTransit (40.182 i km percorsi) per testare il perfetto funzionamento di tutti gli impianti ed i sistemi della nuova galleria, saranno le FFS ad avviare l’esercizio di prova che prevede, entro dicembre, circa 4-5 mila corse di treni regolari con viaggiatori o merci a bordo.

Poi, in coincidenza con il cambio orario del 13 dicembre 2020, la Galleria di Base del Ceneri entrerà in servizio effettivo. Insieme al tunnel del Gottardo (in esercizio dall’11 dicembre 2016) il nuovo traforo consentirà di creare un unico corridoio ferroviario ad alte prestazioni, fulcro del trasporto ferroviario europeo sull’asse Genova – Rotterdam per il quale decisiva sarà la realizzazione, in Italia, del Terzo valico ferroviario Genova – Novi Ligure.

Indubbia l’importanza strategica della Nuova Ferrovia TransAlpina (NFTA) per le ripercussioni che riguarderanno lo sviluppo industriale e turistico indotti, i movimenti demografici, gli effetti economici e le trasformazioni urbanistiche e territoriali, lo sviluppo economico di un'area che va ben oltre i confini della Svizzera.

Il progetto complessivo, in effetti, è di realizzare il più efficiente collegamento ferroviario al mondo - circa 3.900 chilometri di rete ferroviaria - in quella fascia europea conosciuta come "blue banana", ossia l'area che va dal Mediterraneo (Genova) al Mare del Nord, passando per la Manica: una delle zone più ricche e popolose al mondo che, con 181 milioni di persone, coinvolge l'intero Nord Italia, la Svizzera, parte di Germania e Francia, l'Olanda e il Regno Unito: un Pil complessivo di 7.100 miliardi di euro.

www.generalecostruzioniferroviarie.com

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP