Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP

ferrovia-internazionale.com
Generale Costruzioni Ferroviarie News

CANTIERI FERROVIARI APERTI, ALL’INSEGNA DELLA PRUDENZA

Cantieri aperti in tutta Italia per GCF e Gefer dopo la sospensione per Coronavirus. Ad una settimana dalla fine del lockdown tutte le attività del gruppo Rossi nei settori dell’armamento ferroviario, dell’elettrificazione, del segnalamento e della posa della fibra ottica sono tornate alla normalità. Con un occhio alla produttività e l’altro alla salvaguardia della salute.

CANTIERI FERROVIARI APERTI, ALL’INSEGNA DELLA PRUDENZA

Nelle settimane di pausa forzata - aperti soltanto alcuni importanti cantieri di manutenzione atti a garantire la possibilità di erogare il trasporto pubblico ferroviario, servizio annoverato come essenziale dalla normativa - le aziende del Gruppo, la Generale Costruzione Ferroviarie e la Gefer hanno messo in campo ogni sforzo per riorganizzare la ripartenza in modo da garantire la sicurezza dei lavoratori coniugando efficienza produttiva e tutela della salute.

“Gli interventi di safety - spiega la Direzione romana - sono stati programmati a tutto tondo, prevedendo l’acquisto di ingenti quantitativi di dispositivi di protezione individuale, la messa in opera di stringenti protocolli di sicurezza, la formazione di operai ed addetti circa le nuove modalità operative che sono state messe a punto nell’ottica di minimizzare i fattori di rischio per la salute e garantire una ripresa lavorativa prudente e duratura”.

Innumerevoli gli accorgimenti e le prassi che in ogni cantiere sono state adottate a fronte del difficile contesto pandemico per assicurare la pulizia e la sanificazione degli spazi condivisi, degli equipaggiamenti individuali e dei mezzi d’opera e, inoltre, per accompagnare i lavoratori alla piena comprensione delle misure poste in essere e, soprattutto, per aiutarli nella complessa fase di acquisizione di nuove abitudini e pratiche lavorative volte alla protezione di sé stessi e dei compagni di squadra.

Molti i corsi di formazione erogati online nelle scorse settimane per uniformare e condividere protocolli e linee guida a capi cantieri e quadri intermedi. Molte le ore che in ciascun cantiere, sono state dedicate a partire dal 4 maggio per illustrare e sperimentare con ogni unità produttiva le nuove pratiche per la salute. Una sfida nuova che segnerà i prossimi mesi.

“In ogni modo -
assicura Edoardo Rossi, presidente GCF – le aziende del gruppo si stanno facendo carico della tutela della salute dei lavoratori impegnati sulle reti ferroviarie, nei cantieri, negli uffici. Sono numerose le situazioni di complessità che si presentano con la riapertura ma con la collaborazione di tutti siamo certi di poter affrontare la fase della ripartenza nel segno di una produttività che sa tutelare la salute e di mettere a punto un modello che potrà presto essere applicato anche nei nostri cantieri esteri”.

www.generalecostruzioniferroviarie.com

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP